LA DIVERSITÀ PREMIA LE IMPRESE
9 Settembre 2019
Pillola dell’esperto #25 – Cosa si intende per risparmi reali e risparmi potenziali (hard saving vs soft saving) nello ZPS™
22 Ottobre 2019

Pillola dell’esperto #24 – L’effetto positivo dello SMED sulla disponibilità impianto

L’effetto positivo dello SMED sulla disponibilità impianto

Tra le varie metodologia volte alla riduzione dei tempi di setup lo ZPS sposa in pieno il metodo SMED.
Tale metodologia risiede nella possibilità di ridurre fortemente i tempi impiegati per effettuare un'operazione di set-up.
Le procedure di setup (attrezzaggio) rappresentano la principale fase “improduttiva” di un processo.
Lo S.M.E.D. si basa su 4 step fondamentali che si dovranno applicare in maniera sequenziale e rigorosa, i quali aiuteranno ad effettuare correttamente l’analisi attuale.





Bisogna distinguere tutte le operazioni che possono essere fatte quando la macchina è in funzione (External Setup) da quelle che invece devono essere effettuate necessariamente quando la macchina è ferma (Internal Setup). Nella maggior parte dei casi ciò che comporta lunghi tempi per i setup di tipo tradizionale è la non distinzione di queste attività che vengono compiute indistintamente a macchina ferma.

I vantaggi di tale attività sono:

1. Aumento della disponibilità della macchina e della produttività
2. Aumento della flessibilità
3. Riduzione del lead time e del tempo di attesa per il cliente
4. Aumento della qualità del prodotto
5. Riduzione del magazzino e dei costi ad esso associati


Autore:
DANILO DE SANTIS


8465d621c69bfdd03d2b4ed1fac19eef

Danilo De Santis


Richiedi Informazioni



Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Tempo di lettura: < 1 minuto